08giu/17

INIZIATIVA “CODICE AMICO” – attività di CODING in Peer Tutoring

Con grande piacere, riportiamo  il resoconto dell”iniziativa “CODICE AMICO” – attività di CODING in Peer Tutoring, realizzata nell’Istituto comprensivo di Castiglione Messer Marino.

7

L’iniziativa “CODICE AMICO” nasce dalla condivisione di un percorso comune della prof.ssa Agnese Senerchia e delle docenti Lucia Maria Colaneri e Giuseppina Consilvio, che ha visto protagoniste le discipline di Arte e Immagine, Italiano e Matematica.

Le attività di Coding, svolte con la metodologia del peer tutoring, hanno coinvolto 15 alunni della classe terza della scuola Primaria e 11 alunni della classe terza della scuola Secondaria, entrambe dell’I.C. Castiglione Messer Marino, dove questi ultimi hanno sperimentato attività di tutoraggio a supporto dei piccoli allievi.

images2.compressed

Tale processo ha permesso di migliorare l’autostima, aumentare la motivazione, sviluppare le abilità sociali e la creatività, in un contesto di “gioco”.
Il peer tutoring si è rivelato particolarmente efficace poiché gli alunni si sono sentiti protagonisti del loro apprendere, traendo benefici su più fronti.

2

Gli alunni hanno svolto anche attività individuali, in classe e nel laboratorio di informatica, lavorando con interesse e impegno e sviluppando l’abilità nel trattare con aspetti sia umani che tecnologici, in quanto la dimensione umana è essenziale per il successo di qualunque sistema informatico.

5 3

QUI tutte le foto!

01giu/17

A scuola di… Debate

Pubblichiamo sul nostro sito internet, perché lo riteniamo particolarmente interessante, un contributo relativo a un’iniziativa che si è svolta a Sulmona incentrata sul ‘Debate’.

“Non alzare la voce. Migliora la tua argomentazione”. E’ questo lo spirito che ha animato, nelle giornate del 29 e del 30 maggio, il corso di formazione per docenti e il laboratorio didattico per studenti svoltosi a Sulmona e incentrato sulla metodologia del Debate. L’iniziativa è stata promossa dall’Istituto d’Istruzione Superiore “Ovidio” di Sulmona, diretto dalla preside prof.ssa Caterina Fantauzzi, “scuola polo regionale” nell’ambito del progetto “Il Debate per crescere insieme”, relativo all’introduzione di metodologie innovative di partecipazione all’interno del sistema scolastico italiano.

debate1

Nell’Aula Magna del Liceo Artistico “Mazara” di Sulmona, 16 studenti, provenienti dall’Istituto d’Istruzione Superiore “Ovidio” di Sulmona, dall’Istituto Comprensivo “Montale-Carducci” di Pescara e dal Liceo Classico “Melchiorre Delfico” di Teramo, insieme ai loro professori, hanno preso parte ad un intenso corso formativo che li ha portati ad apprendere le regole principali del gioco educativo del Debate e a sperimentarlo direttamente in un avvincente torneo conclusivo.

debate3

Disciplina curriculare nelle scuole anglosassoni, ma che trae origine dalla disputatio medievale, il Debate è un confronto strutturato nel quale due squadre sostengono e controbattono  una mozione all’interno di alcune regole formali.

Il Debate è fondamentalmente un “gioco di ruolo”, strategico e di squadra, che simula ciò che accade durante una discussione parlamentare. Ad ognuno dei partecipanti è richiesto di svolgere, alternativamente, il ruolo di “attori”, di Debaters, che mettono in scena l’interazione, e di “osservatori”, di giudici, che analizzano il processo.

debate 2

Il Debate risulta per gli studenti particolarmente coinvolgente, anche dal punto di vista emotivo. Numerose sono le evidenze empiriche che attestano come l’inserimento del Debate tra le attività didattiche risulti efficace nel contrasto della dispersione scolastica, poiché permette di sviluppare il pensiero critico e la capacità di selezione le informazioni, di migliorare le competenze comunicative e di teamworking e di aumentare il livello di autostima degli studenti.

Il Debate è una metodologia congeniale per perseguire l’obiettivo nobile di diventare pensatori ingegnosi, capaci di trovare soluzioni, efficaci e creative, a problemi e di sintetizzare con accuratezza e articolare con chiarezza idee e progetti.

“Tre sono le attività essenziali che caratterizzano il gioco di un Debater: ascoltare, pensare, rispondere” – afferma il prof. Matteo Giangrande, che ha tenuto il corso. “Un buon Debater si contraddistingue, innanzitutto, dal fatto che presta attenzione alle ragioni di chi assume una posizione contraria alla propria. Inoltre, un buon Debater effettua ricerche accurate sul tema di discussione, del quale è necessario approfondire la conoscenza, raccogliendo, organizzando e valutando le informazioni, definendo i termini della questione, esaminandone i pro e i contro e prendendo in considerazione soluzioni alternative. Infine, un buon Debater reagisce con intelligenza alle provocazioni di sfida dell’avversario, confutandone gli argomenti e supportando le proprie asserzioni con ragionamenti ed evidenze”.

Debate4

“E’ stata un’esperienza coinvolgente ed entusiasmante, che ha visto come attori principali gli studenti” – ha concluso la prof.ssa Maria Orsola Boschiero, responsabile del progetto. “Si tratta del primo passo verso le Olimpiadi Nazionali di Debate che si terranno nel prossimo autunno”.

24mar/17

ANCI GIOVANI 2017 – ROSATO (ANCI GIOVANI ABRUZZO): “GUARDARE ALLE AREE INTERNE COME LUOGHI DOVE CREARE IL NOSTRO FUTURO”

C’era anche l’Anci Giovani Abruzzo, con il suo coordinatore Gian Paolo Rosato, al seminario “Politiche di sviluppo e nuove competenze: come dare opportunità alle aree interne” che si è svolto a Salerno nell’ambito della VIII Assemblea Nazionale Anci Giovani “Generatori di futuro”.

Gian Paolo Rosato, coordinatore Anci Giovani Abruzzo e assessore del Comune di Taranta Peligna è intervenuto, in particolare, sul tema delle Aree interne:  “Il tema del seminario di oggi è ambizioso e coraggioso perché non sono troppe le occasioni per discutere di aree interne e delle sue problematiche e potenzialità. Detto questo, in qualità di giovani amministratori tocca a noi trovare occasioni di confronto per invertire la tendenza farci promotori di un nuovo corso”.

“Il nostro obiettivo ambizioso – ha aggiunto Rosato – è di parlare di aree interne con uno spirito nuovo ovvero come luoghi dove sviluppare i propri progetti di vita, fare innovazione e guardare al futuro con serenità con la certezza di avere gli stessi diritti di cittadinanza di tutti i cittadini di questo Paese”.

QUI l’intervento di Rosato.
07mar/17

Dialogo sulla Leadership alle “Conversazioni del venerdì”

Torna un nuovo evento frutto della collaborazione tra RATI e il Comune di Lanciano per le “Conversazioni del venerdì”.

Dopo il partecipatissimo evento del 16 dicembre scorso  “Abruzzo Coding e Coalizioni territoriali”, il nuovo appuntamento è fissato per venerdì 17 marzo con un Dialogo sulla Leadership con Alessandro Obino, autore del libro “In questo mondo di leader”.

flyer_17.03.17_FRONTE

Dialogheranno sul tema della leadership: Alessandro Obino, autore del libro; Rosanna Defilippis, manager sviluppo Risorse umane Denso; Domenico Melchiorre del Comitato regionale giovani imprenditori di Confindustria Abruzzo: Francesca Buttari, vicesindaco di Francavilla al Mare; Gianni Orecchioni, dirigente scolastico IIS Da Vinci – De Giorgio.

I saluti sono affidati a Marusca Miscia, assessore alla Cultura del Comune di Lanciano e Giovanni Di Fonzo, presidente di RATI. Modera Carlo Ricci, esperto di sviluppo locale e socio RATI.
flyer_17.03.17_RETRO

Il libro
«Nelle nostre imprese, così come ai vertici delle nostre istituzioni statali, non abbiamo più gestori, ma leader. E i leader, per diventare e rimanere tali, ricorrono alla persuasione e alla manipolazione. Saranno generalmente assertivi, volitivi, empatici, ma saranno anche spesso trasformisti, aggressivi e oggettivamente inaffidabili. Per questo e per tanti altri motivi, l’Italia oggi non è un Paese per “anime belle”» In un Paese di dipendenti cronici, troppi leader o aspiranti tali si aggirano dispensando modelli culturali contraffatti. La nostra identità sociale, politica, comunitaria, corre verso l’estinzione, lasciando il passo al culto della personalità e all’individualismo.
A metà tra saggio, pamphlet e racconto, “In questo mondo di leader” mette a nudo i motivi per cui la nostra cultura è ormai divenuta subalterna a quelle oggi dominanti, condannando la nostra società ad arretrare nella competizione globale. In questo fosco quadro, però, una speranza: la capacità di generare il cambiamento delle nostre organizzazioni dall’interno, senza appoggiarsi a modelli rimasticati e ai tanti leader che oggi se ne propongono come spacciatori.

.
L’autore
Progettista di sistemi informativi e consulente organizzativo, negli ultimi 20 anni Alessandro Obino ha avuto modo di studiare dall’interno alcuni delle più grandi aziende internazionali.Per FCA ha progettato e realizzato i sistemi di valutazione con cui il gruppo gestisce le competenze delle sue risorse in tutta Europa.

Nel 2014 ha fondato la start-up Exagogica che, in pochi mesi, si è affermata come player internazionale nei sistemi di Talent Management, aprendo controllate in Serbia e Brasile.

17feb/17

Abruzzo Coding e Coalizioni territoriali, il video della nostra ‘Conversazione del Venerdì”

Lo scorso 16 dicembre a Lanciano, nell’ambito del Programma culturale “Conversazioni del venerdì” promosso dal Comune di Lanciano, l’associazione RATI, le comunità scolastiche comprensoriali del Vastese e del Sangro Aventino, insieme all’ANCI – Abruzzo, ANCI Giovani Abruzzo, Università degli Studi di Teramo, il GAL Maiella Verde hanno presentato le “Coalizioni comprensoriali del Vastese e del Sangro Aventino per la promozione delle competenze innovative nella scuola, nel lavoro, nella società”.

In questo speciale, realizzato dall’emittente regionale Telemax, il resoconto del pomeriggio e le interviste a tutti i protagonisti!

07dic/16

#SaveTheDate 16 dicembre – Abruzzo Coding alle “Conversazioni del venerdì”

#SaveTheDate – 16 dicembre, dalle ore 17.45 alle 19.45, a Lanciano, alla Casa di Conversazione!

Nell’ambito del Programma culturale “Conversazioni del venerdì” promosso dal Comune di Lanciano, l’associazione RATI, le comunità scolastiche comprensoriali del Vastese e del Sangro Aventino, insieme all’ANCI – Abruzzo, ANCI Giovani Abruzzo, Università degli Studi di Teramo, il GAL Maiella Verde presenteranno le “Coalizioni comprensoriali del Vastese e del Sangro Aventino per la promozione delle competenze innovative nella scuola, nel lavoro, nella società”.

flyer_web_fronte

flyer_web_retro

Di seguito pubblichiamo il comunicato stampa diffuso per l’evento!

 

COMUNICATO STAMPA

Le Coalizioni comprensoriali del Vastese e del Sangro/Aventino – costituite nell’ambito del progetto “Abruzzo Coding” – sono le prime, in assoluto, a nascere in Italia, anticipando di fatto quanto previsto – e anzi richiesto – in ambito comunitario.

Le due coalizioni, insieme allo stato di avanzamento del progetto Abruzzo Coding, saranno al centro dell’appuntamento di venerdì 16 dicembre con il Programma culturale “Conversazioni del venerdì” promosso dal Comune di Lanciano

L’iniziativa è stata presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente di RATI Giovanni Di Fonzo, una rappresentanza dei dirigenti scolastici, il sindaco di Lanciano Mario Pupillo, l’assessore alla Cultura Marusca Miscia e l’assessore alla Istruzione Giacinto Verna.

L’appuntamento, dunque è per venerdì 16 dicembre, a partire dalle 17.45 presso l’ex Casa di Conversazione di Lanciano, quando l’associazione RATI, le COMUNITÀ SCOLASTICHE COMPRENSORIALI del Vastese e del Sangro Aventino, insieme all’ANCI ABRUZZO e ANCI GIOVANI, l’Università di Teramo e il GAL Maiella Verde presenteranno le “Coalizioni comprensoriali del Vastese e del Sangro Aventino per la promozione delle competenze innovative nella scuola, nel lavoro, nella società”. 

L’iniziativa rappresenta innanzitutto un momento di festa per tutto il lavoro fatto con le Scuole coinvolte nei 12 mesi trascorsi e per la costituzione ufficiale di due Coalizioni comprensoriali (Vastese e Sangro/Aventino) che rappresentavano un sogno fino a qualche mese fa e che sono le prime, in assoluto, a nascere in Italia. 

Si tratta di organismi associativi basati su partenariati multilaterali costituiti in ubbidienza a quanto sollecitato dal PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale), dai più recenti indirizzi della Commissione europea depositati nella Comunicazione 381/2016 relativa alla “Nuova agenda per le competenze per l’Europa – Lavorare insieme per promuovere il capitale umano, l’occupabilità e la competitività” e dalla Comunicazione 382/2016 recante proposta di Raccomandazione del Consiglio d’Europa sull’istituzione di una “Garanzia per le competenze, entrambi atti rilevanti ai fini dell’intervento strutturale in materia di competenze di base, in particolar modo di competenze digitali ai fini di una nuova e più solida competitività dell’Unione”.

 

Saranno i Dirigenti Scolastici ad illustrare le motivazioni, i contenuti e le linee programmatiche delle Coalizioniformalizzate e da ciò emergerà il coraggio, la volontà, l’impegno e la generosità di decine e decine di Dirigenti e di centinaia di insegnanti, da quelle dell’Infanzia a quelli delle superiori che partendo quasi da zero hanno portato migliaia e migliaia di bambini e di ragazzi a praticare il CODING con passione ed entusiasmo crescenti, in alcuni casi, dilaganti!!! 

Seguiranno gli interventi (brevi ed efficaci) dei primi partner (ANCI ABRUZZO, GAL Maiella Verde, Università di Teramo, che fanno emergere come nella realtà sia possibile aprire le scuole al territorio e come tutte le espressioni dello stesso territorio possono intelligentemente e generosamente convergere in un disegno unitario che ha come obiettivo generale ed immanente la produzione, la diffusione e la giudiziosa utilizzazione di conoscenze e competenze innovative (a partire da quelle digitali) indispensabili alle nostre giovani generazioni e come queste rappresentino risorsa strategica per ogni serio discorso di sviluppo socioeconomico, produttivo, occupazionale e culturale.

Gli Interventi conclusivi sono stati assegnati all’Assessore Regionale alla Istruzione, dr.ssa Marinella SCLOCCO e al Rettore della Università di Teramo, prof. Luciano D’AMICO che possono dare un utile contributo ad una più complessiva azione di sensibilizzazione in atto presso il personale delle scuole, le famiglie, le Istituzioni (a tutti i livelli), le organizzazioni produttive e del lavoro oltre ché il mondo accademico, della ricerca e quello culturale.

Nel corso della “Conversazione” saranno presentati materiali audiovisivi che mostrano alcune attività svolte nelle scuole aderenti al Progetto ABRUZZO CODING e i risultati di 12 lunghi mesi di attività svolte dall’inedito sodalizio RATI – SCUOLE che hanno raggiunto il numero di 49 e cominciano a comprendere Scuole delle province di Teramo, L’Aquila e Pescara.

L’iniziativa è sostenuta da due prestigiose aziende operanti nel nostro territorio: la VALAGRO e la BPER. Parteciperanno alla Conversazione rappresentanti autorevoli delle due aziende.

23nov/16

All’Istituto comprensivo di Castiglione Messer Marino, il CODING sale in alta quota fino a superare i 1.000 metri!!!

E’ partito il primo corso di formazione intensiva degli Insegnanti.

whatsapp-image-2016-11-23-at-09-46-37

Grazie alla determinazione del Dirigente scolastico, prof. Marco DE MARINIS, alla generosa e motivata adesione del corpo docente e il sostegno dell’Associazione RATI (Rete di Abruzzesi per il Talento e la Innovazione) è partito il Corso di formazione degli Insegnanti riguardante il Coding. Svolgono la funzione di tutor due giovani “talenti” esperti della materia, l’ing. Camillo LANCI e la prof.ssa Agnese SENERCHIA.

whatsapp-image-2016-11-23-at-09-46-41

Si tratta di un percorso virtuoso che ha come obiettivo l’inserimento dell’insegnamento/ apprendimento dei principi della programmazione e del pensiero computazionale nei tre livelli scolastici componenti l’Istituto ovvero la media superiore di 1° grado, la primaria e la scuola per l’infanzia.

whatsapp-image-2016-11-24-at-22-07-28

Queste conoscenze innovative vengono veicolate in modo giocoso e gioioso e normalmente producono una risposta da parte dei giovani e giovanissimi allievi fatta di entusiasmo e di passione.

whatsapp-image-2016-11-23-at-09-46-39

Così come va emergendo motivazione, entusiasmo e passione da parte degli insegnanti che sopportano non poco disagio per frequentare il Corso che si svolge per tutti presso la sede centrale di Castiglione Messer Marino.

Il Presidente di RATI li ringrazia tutti per la generosità con la quale concorrono al miglioramento della educazione e della istruzione degli alunni consentendo loro di entrare in possesso di “competenze innovative”, a partire da quelle digitali, sempre più indispensabili per lo svolgimento di qualsiasi lavoro, dal più semplice al più complesso.

whatsapp-image-2016-11-23-at-09-46-42

Il valore di una simile operazione diventa molto grande, importante e da sostenere da parte di tutti, dalle Istituzioni alle famiglie, in quanto si svolge in una realtà territoriale che presenta disagi di ogni tipo.

L’associazione RATI, perfettamente consapevole di tutto ciò, impiegherà tutte le sue energie per la valorizzazione della pregevole iniziativa intrapresa in tutti modi e in tutti gli ambienti.

whatsapp-image-2016-11-23-at-09-46-41-1

02nov/16

RATI al seminario dei Giovani Abruzzesi nel Mondo

RELAZIONI, RETI E INNOVAZIONE PER FARE SVILUPPO

La trasformazione dell’Abruzzo attraverso testimonianze di successo

Workshop inerente l’incontro internazionale dei Giovani Abruzzesi nel Mondo organizzato in occasione della Seduta ordinaria annuale del Consiglio Regionale degli Abruzzesi nel Mondo (CRAM)

Sabato 29 ottobre 2016, ore 10

Palazzo degli studi, corso Trento e Trieste – Lanciano (ch)

Il workshop con la delegazione dei Giovani Abruzzesi nel Mondo assegnato alla organizzazione RATI/PATTO TERRITORIALE, con la regia della Regione Abruzzo, nella persona del Consigliere Lorenzo Berardinetti, si è rivelato un esperimento particolarmente positivo e ben riuscito con la soddisfazione di tutti i partecipanti a partire proprio dai Giovani componenti della delegazione.

cram-3

L’apertura e la conduzione della innovativa iniziativa sono state assegnate a Giovanni Di Fonzo – Presidente RATI (Rete di Abruzzesi per il Talento e l’Innovazione) il quale ha affrontato con rapidità ed efficacia  la parabola socio – economica dell’Abruzzo dal secondo dopo guerra ad oggi dal titolo: “Come è cambiato l’Abruzzo: dalla terra dei pastori al veicolo commerciale più venduto in Europa”.

cram-2

Prima di procedere agli interventi degli ospiti coinvolti, Di Fonzo ha invitato uno alla volta tutti i componenti della Delegazione dei Giovani Abruzzesi nel Mondo presenti in sala.

Ognuno di loro si è presentato, dicendo in quale Paese del mondo vive con la propria famiglia, la data della prima emigrazione, l’attività della famiglia, la propria attività e le motivazioni del loro interesse verso l’Abruzzo e verso l’Italia.

Dagli interventi sono emerse proposte che vanno dall’attivazione di corsi di lingua italiana presso le comunità all’estero per evitare che essa scompaia con le prossime generazioni, all’allaccio di rapporti commerciali di produzioni tipiche regionali, alla promozione commerciale dei nostri prodotti nei Paesi di nuova residenza, alla attivazione di stage presso le nostre imprese di giovani emigrati e viceversa, alla nascita e allo sviluppo di relazioni con le nostre Università.

Ne è derivato uno scenario vario e ricco di notizie di estremo interesse che hanno consentito agli ospiti di calibrare meglio e in modo più efficace e produttivo i propri interventi.

cram-13

Il Presidente di RATI ha illustrato a più riprese la natura e il carattere aperto ed internazionale della piccola Associazione che intrattiene rapporti con non pochi “giovani talenti” dislocati in vari Paesi europei ed oltre, dove svolgono lavori di grande prestigio e di come, attraverso il CRAM, potrebbe ulteriormente e produttivamente sviluppare relazioni in campo culturale, scientifico ed economico anche con i “giovani figli e nipoti di abruzzesi emigrati in tutto il Mondo”.

cram-12

Su quest’aspetto del workshop è emersa attenzione ed interesse palesemente manifestati dal Presidente della Commissione attività produttive Berardinetti e dall’assessore regionale Di Matteo, con grande gradimento dei Giovani della delegazione.

L’incontro, condotto con piglio deciso ed ordinato, si è svolto molto efficacemente anche e principalmente per gli interventi autorevoli dei Rappresentanti delle forze produttive e del lavoro:

  • Sara Napoleone - Centro Estero delle Camere di Commercio d’Abruzzo
  • Giammaria De Paulis - Presidente dei Giovani Imprenditori Confindustria Abruzzo
  • Graziano Di Costanzo - Direttore regionale CNA Abruzzo
  • Sandro Del Fattore – Segretario generale CGIL Abruzzo
  • Dottor Tilli – Dirigente giovani Coldiretti

A seguire vi sono state le testimonianze di successo da parte di:                     

  • Valentino Di Campli – Presidente Citra Vini – Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo
  • Giuseppe Natale – Presidente VALAGRO Spa
  • Giuseppe Ranalli – Presidente TECNOMATIC Spa – Polo Innovazione Automotive
  • Raffaele Trivilino - Direttore del Patto territoriale Sangro Aventino
  • Gilberto Candeloro – Presidente Fondazione ITS Sistema Meccanica Lanciano.

Ne sono seguiti brevi interventi e domande da parte dei Giovani, pertinenti e molto interessanti.

Con gli interventi dei rappresentanti della Regione, l’animatore dell’incontro, Giovanni Di Fonzo, ha concluso l’incontro ribadendo l’opportunità di organizzare e animare una Piattaforma (già nelle intenzioni della Regione Abruzzo - illustrate da Tonino Innaurato) che consentirebbe di mantenere e sviluppare relazioni di ogni tipo tra la nostra realtà e i tantissimi Giovani (e meno Giovani) Abruzzesi sparsi per il mondo e che l’Associazione RATI metterebbe se stessa a disposizione di un tale pregevole progetto per dare un contributo fattivo di esperienza maturata nei sei anni di attività. cram-10 cram-11

L'articolo uscito sul quotidiano Il Centro

L’articolo uscito sul quotidiano Il Centro

20ott/16

IL CODING IMPERVERSA NELLE SCUOLE ABRUZZESI: OLTRE 11MILA ALUNNI GIA’ COINVOLTI ALLA EUROPE CODE WEEK 2016

Numeri da capogiro quelli che hanno coinvolto, nella sola parte meridionale della Regione, le scuole del progetto “Abruzzo Coding” in occasione della Settimana Europea del Coding (15-23 ottobre 2016). Ad una prima e incompleta rilevazione risulta che oltre 11.000 alunni di ogni ordine di scuola sono impegnati in attività inerenti il CODING e il PENSIERO COMPUTAZIONALE, in modo giocoso e gioioso!!!

A questa mattina, ben 1.036 bambini delle sole scuole materne sono “al lavoro” con inimmaginabile entusiasmo. Entusiasmo che ha fatto numerose vittime anche tra gli insegnanti.

La Settimana Europea del Coding, alla sua quarta edizione, è cominciata il 15 e si concluderà il 23 ottobre ed è in contemporanea, in pieno svolgimento in tutte le Scuole di tutti Paesi aderenti all’Unione Europea.

Una manifestazione imponente che la Commissione Europea e il Ministero dell’Istruzione promuovono con molta energia per favorire lo sviluppo di conoscenze e competenze fortemente innovative, a partire da quelle DIGITALI, divenute strategiche sia per lo sviluppo socioeconomico delle comunità nazionali e locali sia per una più ampia ed adeguata occupabilità dei nostri giovani.

L’associazione culturale, non profit, RATI (Rete di Abruzzesi per il Talento e la Innovazione), porta avanti una possente azione nella promozione di tali iniziative insieme ad un numero elevato e crescente di Scuole di ogni ordine e grado, nell’ambito del progetto Abruzzo Coding. Centinaia e centinaia di insegnanti hanno fatto formazione con il sostegno di RATI e loro sono da mesi in forte attività nelle loro scuole, contaminando altri colleghi e svolgendo Corsi di Coding con i ragazzi. Il sogno è giungere nel giro di tre/quattro anni ad avere Scuole di eccellenza capaci di produrre giovani eccezionali capaci di affrontare un futuro, non facile, da protagonisti positivi e con grande successo personale e per le loro comunità di appartenenza.

 coding-scerni

E nell’ambito delle diverse iniziative attivate dalle scuole abruzzesi durante la Settimana europea del Coding, l’Istituto OMNICOMPRENSIVO RIDOLFI/ZIMARINO insieme alla Amministrazione comunale di Scerni e alla associazione RATI, organizzano un Evento che vedrà la partecipazione degli Alunni della scuola materna di Scerni che animeranno il “CODY TOPY … e il BABY CODING” e degli alunni delle medie di Pollutri che si esibiranno nel “TRAVELING IN CODING”.

L’evento si svolgerà presso l’Aula magna dell’Istituto Agrario di Scerni, Sabato 22 ottobre, alle ore 10.00. Insieme al Dirigente scolastico, Livio Tosone, al Sindaco di Scerni, Alfonso Ottaviano, al Presidente di RATI, Giovanni Di Fonzo, interverrà la dr.ssa Paola BUCCIARELLI della Direzione Generale “CONNECT” della Commissione europea, di Bruxelles.

Sarà una “piccola – grande festa” che si tiene in una minuscola “periferia della grande Europa”, anche per questo invitiamo tanti a partecipare: insegnanti, genitori, amministratori, semplici cittadini!!!